Skip to main content
Scopri come risparmiare su Luce e gas

Fine del mercato tutelato: cosa cambia?

L’ARERA ha annunciato ad agosto 2023 la fine del mercato tutelato. Il mercato del gas per gli utenti domestici non vulnerabili e i condomini terminerà a gennaio 2024. Per quanto riguarda l’energia elettrica, invece, il termine del mercato tutelato partirà da aprile 2024. Gli utenti considerati vulnerabili (disabili, economicamente svantaggiati o con età superiore ai 75 anni) avranno la possibilità di rimanere nel mercato tutelato. Con la fine del mercato tutelato, si assiste a un nuovo scenario energetico. I consumatori potranno finalmente godere di maggiori libertà nella scelta del proprio fornitore di energia. Questo nuovo regime di mercato comporta notevoli cambiamenti, sia per i consumatori che per le aziende energetiche. Vediamo insieme cosa cambia e come scegliere un nuovo fornitore di energia.

Cosa cambia per i consumatori

Per i consumatori, la fine del mercato tutelato coincide con la fine dell’obbligo di acquistare energia elettrica o gas naturale da un unico fornitore. I consumatori avranno la possibilità di confrontare le offerte dei vari fornitori. Potranno quindi scegliere quella più adatta alle proprie esigenze, sia in termini di prezzo che di qualità del servizio. Cambiafacile ti aiuta a comparare i prezzi e i servizi offerti dai differenti fornitori, per trovare la migliore offerta disponibile sul mercato.

La fine del mercato tutelato comporta anche una maggiore trasparenza nelle tariffe energetiche. I prezzi di energia elettrica e gas naturale non saranno più imposti dall’ARERA. Saranno infatti determinati dalla libera contrattazione tra le aziende e i consumatori. Ciò significa che i prezzi saranno influenzati dal mercato stesso e dai fattori di offerta e domanda. I consumatori avranno quindi la possibilità di scegliere l’offerta più vantaggiosa e tenere sotto controllo i costi energetici.

Cosa cambia per le aziende energetiche

Per le aziende energetiche, la fine del mercato tutelato comporta la necessità di adattarsi a un ambiente di maggiore concorrenza. In modo da continuare ad attirare i clienti, le aziende dovranno investire in strategie di marketing e pubblicità efficaci. Dovranno inoltre migliorare la qualità del servizio e proporre offerte competitive. Potrebbero essere necessari investimenti in infrastrutture e tecnologie, per soddisfare la crescente domanda di energia elettrica e gas naturale.

Un altro importante cambiamento con la fine del mercato tutelato è la nascita di nuovi fornitori di energia. Con la liberalizzazione del mercato energetico, è possibile per nuove aziende entrare nel settore e competere con i tradizionali fornitori. Questo può portare a una maggiore innovazione e a una maggiore varietà di offerte e servizi per i consumatori. Per esempio, potrebbero comparire nuove offerte basate su energia proveniente da fonti rinnovabili. O ancora servizi personalizzati per le esigenze specifiche di determinati consumatori.

cadenza mercato tutelato: cosa fare?

Ciò che occorre fare ora è prendere l’iniziativa di selezionare un nuovo fornitore di energia elettrica e gas tra quelli disponibili nel mercato libero. Tieni comunque presente che il servizio di fornitura di luce e gas non verrà interrotto quando finisce il mercato tutelato. Chi sarà responsabile della fornitura di energia o gas? Per quanto riguarda la fornitura di gas, sarà il medesimo fornitore, ma si passerà a offerte PLACET. In riferimento alla fornitura di energia elettrica, invece, coloro che non si sono ancora trasferiti al mercato libero verranno inseriti nel Servizio a Tutele Graduali.

È comunque consigliabile accelerare la procedura di trasferimento, tenendo presente che il cambio di fornitore richiede un periodo di tempo tecnico. Generalmente, si effettua la transizione verso il nuovo fornitore nel primo giorno del secondo mese successivo alla data di richiesta. Per effettuare il passaggio al mercato libero è indispensabile avere alcune documentazioni:

  1. Il numero identificativo POD (per l’energia elettrica) e PDR (per il gas), individuabili su una qualsiasi bolletta o direttamente sui contatori
  2. Un documento intestato alla persona che figura come intestataria dei contatori
  3. Se attinente, il codice IBAN per procedere alla domiciliazione bancaria

Fine mercato tutelato: i nostri consigli

Anche se il termine del mercato di tutela di luce e gas dovesse essere posticipato, le raccomandazioni per proteggersi dagli alti costi dell’energia rimarrebbero valide. I mercati continuano a essere infatti segnati da questo problema. Di conseguenza, il consumatore individuale può adottare misure a breve termine per affrontare l’avvicinarsi dell’inverno. Con esso, infatti, aumentano i consumi di gas, nonché l’utilizzo dell’elettricità.

È evidente che, in un contesto commerciale simile, il prezzo non è più l’unico elemento da tenere in considerazione. Vi sono infatti altri fattori rilevanti che è essenziale valutare. Cambiafacile ha scelto di proporre un servizio garantito, completo e vantaggioso per l’utente. Si tratta di un comparatore non solo di prezzi, ma anche di servizi e offerte dei diversi fornitori. È fondamentale confrontare le diverse proposte al fine d’individuare quella più vantaggiosa. Nel mercato, le opportunità possono variare a seconda della qualità del servizio. Cambiano l’assistenza clienti, la facilità di accesso alle tariffe, e altre caratteristiche che incidono sulle scelte dei consumatori.

Possedere una vasta scelta di fornitori e piani tariffari consente ai clienti di analizzare attentamente le opzioni disponibili. Sarà così più semplice selezionare quella che meglio si adatta alle proprie necessità e preferenze individuali. Fine mercato tutelato? Non farti trovare impreparato! Visita il nostro sito web e contattaci per ulteriori dubbi.

SCRIVICICHIAMACI