Skip to main content
Scopri come risparmiare su Luce e gas

Cosa sono gli oneri di sistema in bolletta

Gli oneri di sistema in bolletta sono un componente della tariffa elettrica. Servono a coprire i costi necessari per il funzionamento del sistema elettrico nazionale. Questi oneri rappresentano una voce di spesa aggiuntiva sulla bolletta e sono regolati dall’ARERA. Ma cosa sono e a quanto ammontano gli oneri di sistema? L’importo degli oneri di sistema può variare da una bolletta all’altra in base ai consumi e all’uso dell’energia elettrica. In alcuni casi, può anche dipendere dalla regione geografica in cui si vive. Con questo articolo, Cambiafacile vi aiuta a capire cosa sono e quando sono stati introdotti gli oneri di sistema in bolletta.

Il sistema elettrico italiano

Per comprendere meglio il funzionamento degli oneri di sistema, è importante avere una breve panoramica del sistema elettrico italiano. Quest’ultimo è composto da diverse figure. Tra queste troviamo produttori, trasmettitori e distributori di energia, che lavorano in sinergia per garantire la fornitura di energia elettrica in tutto il paese. Per fare ciò, è necessario investire in infrastrutture e strumenti che garantiscono la produzione, la trasmissione e la distribuzione dell’energia. Questi investimenti includono la costruzione di nuove centrali elettriche, la manutenzione delle linee di trasmissione e la gestione dei sistemi di distribuzione, e richiedono risorse finanziarie considerevoli.

Per coprire questi costi, i gestori del sistema elettrico nazionale applicano gli oneri di sistema. Questi ultimi vengono poi trasferiti ai consumatori attraverso le bollette energetiche. Gli oneri di sistema sono suddivisi in diverse categorie, ognuna delle quali copre specifiche componenti del sistema elettrico.

Le categorie di oneri di sistema

Alcuni oneri di sistema possono riguardare la gestione dei servizi di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica. Questi oneri finanziano le spese necessarie per mantenere e potenziare le linee di trasmissione e distribuzione. Ciò garantisce che l’energia raggiunga i consumatori finali in modo efficiente e sicuro. Altri oneri di sistema possono riguardare invece la promozione delle energie rinnovabili e l’efficienza energetica. L’Italia si è posta degli obiettivi ambiziosi in termini di produzione di energia pulita. Per raggiungerli, vengono stanziati fondi per finanziare progetti d’installazione di impianti solari, eolici o idroelettrici.

Infine, ci sono anche oneri di sistema dedicati a coprire gli investimenti necessari per garantire la sicurezza e la stabilità del sistema elettrico. Questi possono includere la costruzione e la manutenzione di centrali elettriche di riserva. Lo scopo di queste centrali è di entrare in funzione in momenti di elevata richiesta o in caso di problemi con altre fonti di energia.

Spese oneri di sistema: quanto pesano in bolletta?

È importante sottolineare che gli oneri di sistema rappresentano solo una parte del costo totale dell’energia elettrica sulla bolletta. Altri costi includono la materia prima, i costi di produzione, le spese amministrative e le imposte. Gli oneri di sistema vengono determinati ogni trimestre dall’ARERA. Si applicano sia ai consumatori del mercato libero che a quelli del mercato tutelato. Non dimenticare che la fine del mercato tutelato è prevista per gennaio 2024. Visita la sezione News del nostro sito web per ottenere maggiori informazioni.

I costi di sistema associati al funzionamento del sistema elettrico italiano rappresentano circa il 21% del totale per l’elettricità, e il 4% per il gas. Questo importo deve essere corrisposto da tutti i consumatori domestici. La componente dei costi legati agli oneri di sistema è suddivisa in diverse componenti:

  1. Incentivi alle energie rinnovabili e simili
  2. Benefici per le fabbriche ad alta richiesta energetica
  3. Ottimizzazione dell’energia nei consumi finali
  4. Oneri Nucleari
  5. Indennizzi per le aziende elettriche di minori dimensioni
  6. Sostegno alla ricerca di un sistema efficiente
  7. Benefici tariffari riconosciuti al settore ferroviario
  8. Costi aggiuntivi per il bonus elettrico
  9. Compensazioni territoriali per le autorità locali che ospitano centrali nucleari

La maggiore attenzione è rivolta alle fonti di energia rinnovabile (che coprono circa il 77% del totale).

È possibile diminuire gli oneri sistema attraverso un cambio di fornitore?

Gli oneri di sistema sono una componente fondamentale della tariffa elettrica. Come abbiamo detto, servono a finanziare i costi necessari per il funzionamento del sistema elettrico nazionale. Nonostante rappresentino una spesa aggiuntiva sulla bolletta, sono indispensabili per garantire efficienza e sicurezza della fornitura di energia a tutti i consumatori. Per questo motivo, tutti i fornitori devono sostenere l’identico carico di oneri di sistema.

È altrettanto veritiero, tuttavia, che alcuni fornitori hanno introdotto tariffe con prezzi ridotti proprio per agevolare il risparmio sulla fattura, rispetto alle tariffe del mercato tutelato. In assenza della possibilità di intervenire sugli oneri di sistema per risparmiare sulla bolletta, un efficace metodo per evitare spese eccessive è sicuramente quello di optare per un fornitore con la tariffa più conveniente. Cambiafacile ti aiuta a trovare le migliori offerte di fornitura presenti sul mercato. Grazie allo strumento di comparazione di offerte luce e gas, trovare l’operatore giusto per te e iniziare a risparmiare sulla tua bolletta è un gioco da ragazzi!

SCRIVICICHIAMACI